Crea sito

Il Richiamo Degli Angeli, un augurio per la dolce attesa !

| Bebé, Gravidanza, Mamme, Maternitá

Ciao carissime e ben tornate sul mio blog! Oggi vi parleró finalmente del chiama angeli che mi é stato gentilmente spedito dall’azienda Richiamo Degli Angeli.

 Ho ricevuto il “Richiamo Degli Angeli” appartenente alla “Luxury Collection” : una collana ad anelli fini, prodotta in argento 925, con la bola dal design avvincente, molto fine e grazioso, creato apposta per poter intravedere all’interno il sonaglino. La bola poi, ha inciso intorno a sé il nome della collana, ovvero Richiamo Degli Angeli.

Ma la specialità di questa collezione é che le collane hanno un ciondolo a forma di angioletto. Rosa per chi é in attesa di una femminuccia e azzurra per chi é in attesa di un maschietto. La mia ha il ciondolino rosa perché ho una femminuccia! A rendere unico il Richiamo Degli Angeli si aggiungono i brillantini che danno un tocco di originalità alla bola: brillantini rosa per chi aspetta una femminuccia e brillantini azzurri per chi aspetta un maschietto.

Il fatto che sia prodotto in argento 925 permette alla collana di mantenersi in ottimo stato. Non parliamo di quei semplici ciondoli da quattro soldi che poco tempo dopo dal suo utilizzo perdono colore e lasciano quel brutto colore sulla pelle, andando a rovinare persino il gioiello. Non parliamo neanche di quei chiama angeli che hanno la collana in corda. Il Richiamo Degli Angeli, grazie al fatto che viene prodotto con l’argento 925, é molto resistente e rimane molto fine e delicato all’occhio di chi lo guarda.

Con il movimento, la bola viene leggermente percossa ed il sonaglino emette un suono dolce, angelico e rilassante. Si narra che il suo suono giunga al feto. Sapete che cosa cela dietro questo gioiello? Se non lo sapete cliccate qui ➡️https://unamammadablog.altervista.org/il-richiamo-degli-angeli/.

Il Richiamo Degli Angeli é un ottimo pensiero da donare alla vostra compagnia, moglie, amica, sorella, cugina.. insomma a chiunque sia in dolce attesa che vi sta a cuore! Tutte le donne in gravidanza si meritano questo splendido gioiello!

Ora vi lascio qualche foto di alcuni ciondoli Richiamo Degli Angeli, appartenenti alla collezione classica.

Regalo perfetto per chi desidera la dolce attesa! Simbolo di fertilità e serenità.
Ciondolino unico, un angioletto raffigurato chiama amore.
Per chi è in attesa di una femminuccia, il ciondolo è simbolo di amore e di protezione.
Chiama angeli per chi è in attesa di un bel maschietto.
Perfetto per i primi mesi di gravidanza, è simbolo di gioia e tranquillità.

 

Il Richiamo Degli Angeli, non è nato per caso. La storia della sua nascita e della nascita di questa azienda vi toccherà il cuore. Dietro questi magnifici gioielli vi è un passato di sofferenza e tristezza, ma che sorprendetemente, ha un bellissimo lieto fine ! Leggete la sua storia :https://unamammadablog.altervista.org/come-e-nato-il-richiamo-degli-angeli/ .

Inoltre, se volete sapere di più sui Richiamo Degli Angeli, vi invito a visitare il sito https://www.richiamodegliangeli.it/

Spero che il mio articolo vi sia piaciuto. A presto 🎀🎈

 

 

 

 

 

 

Commenti disabilitati su Il Richiamo Degli Angeli, un augurio per la dolce attesa !

I nostri momenti pappa con il piattino Miracle in silicone di Nuby!

| Bebé, Bimbi, Pappa, Svezzamento

Ciao carissime e bentornate sul mio blog! Oggi vi voglio parlare dei nostri momenti pappa, con il piattino Miracle in silicone di Nuby!

Questa settimana Nuby, ha pensato ai nostri momenti pappa e mi ha spedito un bel pacchetto, al cui interno ho trovato il carinissimo piattino rosso in silicone Miracle, a forma di scimmietta. Lo abbiamo utilizzato il giorno stesso per cena.

Le mie prime impressioni non sono state affatto maligne: morbido al tatto, ideale anche per intrattenere il vostro bambino quando non mangia e deve stare per un momento seduto nel seggiolone (magari giusto il tempo per preparare da mangiare o sparecchiare). Essendo in silicone lo si può mordicchiare. Amanda si diverte tantissimo a mordicchiarlo, ora poi, siamo in fase di dentizione per cui trova sollievo per le sue gengive doloranti!

É un piattino 9m+, per cui utilizzabile a partire dai 9 mesi. Ha due scomparti, in modo da poter suddividere le pietanze. Amanda ha 1 anno ormai per cui, posso benissimo farle un primo ed un secondo separato.

Come vedete ho diviso la pastina con le lenticchie dal passato di verdure.

Il bambino, grazie al piattino Miracle in silicone di Nuby  si autogestisce: prende un pó da uno scomparto e un pó dall’altra, magari preferisce una sola pietanza, ma almeno puó mangiare ció che più gradisce, senza accettare per forza quello che impone mamma o papà. Ed ecco che i momenti pappa diventano più sereni!

Ma la cosa che preferisco di più di questo piattino é il fatto che sia al 100% in silicone, per cui oltre al fatto che si puó mettere in microonde, la pappa resterà calda piú a lungo ! Inoltre può anche andare in lavastoviglie, più comodo di cosí!

Il piattino Miracle di Nuby, é stato studiato apposta a prova di bambino. Quante di voi lottano con i bambini affinché non prendano il piattino e lo lancino a terra??? Io ero proprio una di quelle! Con il piattino Miracle, il problema non sussiste. Il fatto che sia di silicone, lo fa aderire al piano del seggiolone e difficilmente si stacca da esso. Una bella trovata! Provare per credere !!!

Se volete saperne di più e avete intenzione di acquistarlo vi mando al sito:

https://www.nuby.be/it/prodotti

Buona pappa e… a presto 🎀🎈

 

Commenti disabilitati su I nostri momenti pappa con il piattino Miracle in silicone di Nuby!

Una mamma inadeguata

| Mamme, Maternitá

Ci sono giorni che vaghi per il corridoio di casa, con lo sguardo perso nel nulla. Giorni che ti svegli al mattino e non ricordi neanche se hai dormito o no. Momenti in cui vorresti qualcuno che ti prendesse tra le braccia, ti accarezzasse e ti dicesse:”Sei una mamma incantevole, bella e affascinante”.

Ci sono giorni che avresti voglia di qualcuno che ti scaldasse il cuore, con una bella frase o un pensiero per te.

Da quando sei diventata mamma nessuno si cura piú di te, neanche tu ti curi più di te stessa. Pigiama, capelli arruffati, viso struccato con gli occhi da panda.

Nessuno si interessa di sapere come stai.

Da quando é nato tuo figlio, ha preso il posto più importante nei tuoi pensieri. Sei la sua mamma, sei la sua ombra, sei la sua guardia, il suo angelo custode.

Quando sta male devi prenderti cura di lui. Non importa se hai fame, sonno. Ti chiedono se lo hai allattato abbastanza, se lo hai vestito bene. Poi arrivano le sentenze: “No non devi allattarlo, dagli il latte artificiale, il tuo latte non é abbastanza!”. Oppure:  “Ma che sei matta a dare il latte artificiale? Prendi sta puppa e dagliela !”. E poi:”No non farlo dormire cosí, ha bisogno di dormire in questa maniera. “

Quando ti vengono a trovare, magari non si accorgono se sei stanca e hai bisogno di riposare.

E ancora:”No non farlo giocare così, non farlo dormire ora sennó stanotte non ti dorme. Ah e ricorda che deve stare nella sua culla non puoi viziarlo nel lettone”.

La realtà é che quando diventi mamma ognuno deve trovare ogni minimo difetto per farti sentire una mamma inadeguata.

La realtà é che quando diventi mamma hai dentro un turbine di emozioni, che stravolgono il tuo modo di essere.

A volte ci si sente sole, incomprese e altre volte pensi che forse ti sbagli. Forse sei davvero tu a essere sbagliata. Forse ti fai troppe domande. Forse non ti accorgi che la gente che ti circonda ti vuole bene veramente ma.. Ti senti dimenticata.

Quando diventi mamma, impari a essere forte per te stessa ed il tuo bambino. Ma anche la corazza più dura, se colpita profondamente rischia di spezzarsi.

Diventi mamma e ti poni tante domande. “Staró facendo bene ? Sta bene mio figlio, é sereno? Avrá fame ? Sonno? E se gli faccio male ? E se dovevo fare in altro modo?

Quando diventi mamma, lo stress sale alle stelle. Ti capita di rispondere in malo modo ma la realtà é che non volevi farlo apposta, solo che sei stressata. Avresti voglia di essere più spensierata, ma non puoi.

Essere mamma é difficile. Altro che nausee gravidiche! Altro che parto! Essere mamma vuol dire sottoporsi a sfide giorno dopo giorno.

Ma la  vittoria é vedere quella piccola meraviglia che ha occhi solo per te e ti sorride con Amore.

E allora pensi che se ti senti una mamma inadeguata, forse per tuo figlio sei la perfezione. E tutta le paure, i dubbi e la tristezza spariscono.💜

Commenti disabilitati su Una mamma inadeguata

Come é nato il Richiamo Degli Angeli?

| Desiderio, Desiderio di maternitá, Gravidanza, Maternitá

C’era una volta, non molto tempo fa e più precisamente nel 2004 una coppia che si amava alla follia. Una donna ed un uomo, stretti tra loro da due cuori che battevano all’unisono. Il loro amore era così travolgente, che si completavano, l’uno con l’altra.

Ma arrivó un giorno che quest’amore aveva bisogno di un nuovo cuore, per rafforzare e il dolce suono dei loro cuori. E perché non pensare ad un piccolo cuoricino che avesse bisogno del loro affetto, dei loro sorrisi e delle loro coccole? Il desiderio della cicogna diventava reale. Decisero cosí di iniziare a provare ad avere un bambino.

Passavano i mesi e la cicogna non si faceva vedere. Non pensavano che potesse essere così difficile.

Passava un anno, la cicogna non arrivava ancora. Lei e lui iniziarono a sottoporsi a degli esami, per capire se ci fosse qualche problema di fertilità. Paura, angoscia, delusioni, domande senza risposta e scoraggiamento erano all’ordine del giorno. Era difficile accettare che uno dei due potesse avere problemi a concepire. Poi arrivarono i risultati: avevano riscontrato in lui un severo grado di Varicocele. Sarebbe stato difficile concepire, difficilissimo. Il mondo all’improvviso crollava loro addosso. Come era possibile? Perché il destino é beffardo?

Quando ti sottoponi agli esami di fertilità ti senti impotente. Vorresti che andasse tutto per il meglio, non ci si può immaginare ad essere incapaci di procreare. Dovrebbe essere la cosa più facile al mondo e invece….. Come poteva lui accettare il fatto di non poter dare dei figli alla propria lei? E lei, come poteva accettare il fatto di non poter accogliere dentro sé una nuova vita, il frutto del loro amore?

I giorni passavano, ci si trascinava addosso l’amaro sapore dell’impotenza. Il pensiero di avere tra le braccia una creatura era sempre presente nei loro cuori. Così a lui venne proposta una cura e  fissato l’appuntamento per sottoporsi all’operazione, con la speranza che l’affezione sparisse. L’operazione non portò nulla di buono agli effetti sperati. Ma la speranza è l’ultima a morire no? Il 2006 vide lui sottoposto ad una seconda operazione, che sfortunatamente diede il colpo di grazia: “Signore, lei non può avere figli, è sterile”.

Una frase che nessuno meriterebbe di sentire. Se la speranza è l’ultima a morire bè… purtroppo il sogno di avere un bambino naturalmente morì insieme a questa speranza. Non ci si poteva però arrendere ad un sogno così grande. L’istinto della genitorialità è un istinto primordiale. La realtà più bella che possa esistere, quella di vedere davanti a te una piccola meraviglia che ti guarda con gli occhi dell’amore.

L’autunno del 2007 avrebbe portato loro la possibilità di avere un figlio tramite l’inseminazione in vitro.

Quell’anno sembrava interminabile. L’estate era alle porte e lei avrebbe dovuto sottoporsi alla laparoscopia per accertarsi che le tube fossero entrambe aperte. Ma prima di fare questo esame, aveva voglia di distrarsi. Non aveva più intenzione di rattristarsi, aveva chiesto a lui di lasciare perdere medicine, stick ovulatori e lo invitava a trascorrere una settima al mare, lontano dai problemi, dalle paure, dalla rabbia.

L’Isola D’elba e nient’altro.

Una sera, tra le vie di bancarelle e negozi di Marina Di Campo, vennero attratti da una collana con un ciondolo tintinnante, lei curiosa si avvicinò. “Signora sono i Chiama Angeli, lo indossi, portano fortuna! Miraccomando, però ci deve credere!” disse il venditore. Il suo Lui non esitò un attimo e volle subito acquistarlo. Quello era un piccolo regalo, per tutto quello che stavano passando, con la speranza che questo ciondolo avrebbe portato loro fortuna e serenità.Così il venditore prese la collana e mentre gliela stava per mettere al collo le disse per ultimo: ” Esprima tre desideri”. Come non desiderare una gravidanza? Ormai era il suo primo desiderio, un sogno che si faceva attendere già da lungo tempo.

Nei giorni successivi, lei, che continuava a pensare a quella sera in cui, acquistò quella collana, faceva sempre suonare quel dolce sonaglino e sperava con tutto il cuore che il suo desiderio si avverasse.

21  giugno 2007, la vacanza era finita già da una settimana. Era una tipica mattina estiva, la prima mattina che avrebbe annunciato l’inizio di una nuova estate, poi quello stick. Quel piccolo test che le annunciava: ” Certo cara, aspetti un bambino!”. Tra stupore e incredulità, dentro di lei stava crescendo il frutto del loro amore. Scoppiò in un pianto di gioia! Erano riusciti a concepire naturalmente, avrebbe scampato all’inseminazione in vitro, perché lei era incinta!

Una gioia indescrivibile, il sogno si era avverato. Quella collana aveva seriamente portato fortuna! 💎💜

Il chiama angeli é stata la scoperta piú bella della sua vita, lei aveva creduto in quel chiama angeli e qualche angelo lassú, aveva esaudito il loro desiderio di avere una bambino.

Lei, ha un nome. Si chiama Daniela e questa é la sua storia. Daniela é la fondatrice del Richiamo Degli Angeli. Dal momento in cui vide quel test positivo, pensó di creare dei chiama angeli, che sarebbero stati di buon augurio a chi desiderasse una gravidanza e a chi fosse già in dolce attesa.

Il Richiamo Degli Angeli é stato creato dopo quello che Daniela ha dovuto passare. Due anni di sofferenza, giorni in cui il sogno sembrava solo una pura utopia. Ma quel sogno si é realizzato e il chiama angeli ha fatto la sua parte.

Una storia che mi ha commosso e per questo ho deciso di raccontarvela, grazie alla testimonianza della fondatrice di questa bellissima azienda, che é nata per sostenere tutte le future mamme e chi ancora mamma non lo é, ma che sogna di diventarlo! 💜

Vi invito a visitare il sito https://www.richiamodegliangeli.it/  per ammirare le meravigliose creazioni riguardo al Richiamo Degli Angeli!

A presto 🎀🎈

 

 

Commenti disabilitati su Come é nato il Richiamo Degli Angeli?

Il Richiamo degli angeli

| Gravidanza, Mamme, Maternitá

Ciao care mamme e pancine ! 💜

C’é una cosa di cui voglio parlarvi. É una cosa che per me é stata preziosa durante la mia gravidanza. Il suo nome é il RICHIAMO DEGLI ANGELI. Che cos’è?  Penso ormai che la maggior parte di voi giá lo sappia! É una collana dalla catena abbastanza lunga, che porta una piccola bola, fatta di oro o argento al cui interno si trova un piccolo  xilofono, che col movimento, emette un piccolo suono.

Come non riconoscere una donna in dolce attesa! Nella mia cittá vedo spesso e volentieri donne incinte con al collo questo splendido bijoux. É diventata una moda, una consuetudine, avere il Richiamo degli angeli quando si aspetta un bambino . A me lo regaló una cara amica quando aspettavo Amanda. Pensate che prima di allora non ero al corrente della sua esistenza! Insieme alla collana, la mia amica, mi scrisse una lettera con la storia che si deve a questo bijoux.

Si narra, che il Richiamo degli angeli abbia origini antiche, alcuni affermano che sia stato creato per la prima volta in Messico, altri a Bali. Dicono sia il “gioiello” che donato alla donna gravida sia per lei ed il nascituro, di buon auspicio. Oltre a ció si dice che il nome della collana, non sia stato messo a caso. Si chiama il “richiamo degli  angeli” proprio perché  si crede che con il suo suono, possa chiamare, “invocare”, attirare gli angeli buoni che proteggeranno il feto.

Ma non solo, il Richiamo degli angeli potrá essere sentito dal feto stesso. Il feto, dentro al pancione, giá a partire dalla 16° settimana percepisce i rumori esterni. Per questo tante mamme lo indossano. Si dice che grazie a ció, sia possibile creare una sorta di legame, intesa tra la mamma ed il feto. Il rumore poi, dolce e delicato, si crede possa essere rilassante per il feto stesso.

Il Richiamo degli angeli potrebbe diventare cosí anche una sorta di orologio in grado di far capire al feto quando sia giorno e notte: durante il giorno la mamma lo tiene al collo e col suono il feto capisce che la mamma é sveglia, mentre di notte la mamma non lo tiene al collo per cui, non sentendo il suono il nascituro capisce che é tempo di nanna!

Personalmente a me é capitato che Amanda si muovesse come una scatenata pure la notte, per cui non so quanto possa essere valida questa teoria !!😅

Il Richiamo degli angeli é frutto di una fantastica idea che ha portato la creazione di una bellissima azienda che porta proprio questo nome. Per saperne di più vi mando al link http://www.richiamodegliangeli.it/

Inoltre, puó essere un regalo molto carino da fare alla vostra amica incinta, a vostra sorella, insomma a una vostra cara che aspetta un bambino!😊

E voi lo avete indossato o lo indossate durante la gravidanza? Lasciate commenti!

A presto 🎀🎈

Commenti disabilitati su Il Richiamo degli angeli

Cosa mi frulla in testa ?

| Bellezza, Capelli, Cosmetici, Hair routine, Igiene personale, Spesa

Ciao carissime e ben tornate sul mio blog! Oggi voglio parlarvi della mia “Hair routine”. Cosa mi frulla in testa ?

Da poche settimane sto testando due nuovi prodotti. Parlo dello shampoo e balsamo firmato Franck Provost.

Nel supermercato dove sono solita fare la spesa, ho acquistato questi due bei flaconi della linea professionale da 750ml. Siccome quest’estate mi sono trovata super bene con la Spuma per dare una bella forma ai miei ricci, ho pensato bene di testare anche lo shampoo ed il balsamo. Quante di voi poi sono state attratte dalla curiosità di questi prodotti guardando la pubblicità in Tv? Bé, io ammetto che non ne sono stata colpita, ma come si dice..  la curiosità é donna.. o no?

Ma “ciancio alle bande” (si lo so non é cosí il detto ma io l’ho storpiato di proposito) iniziamo con il presentarvi lo shampoo.

 Della linea “Expert Nutrition” al burro di karité, dedicato per chi come me ha capelli secchi e sciupati, dona morbidezza e nutrimento. Devo dire che i capelli li rende davvero morbidi e li ha migliorati molto. Uso molto la piastra e immaginate come possano ridursi i capelli dopo un pó che li piastri!! Basta applicarne una piccola noce, non c’é bisogno di abbondare. Il colore dello shampoo va dal marroncino all’arancione e ha un odore delicatissimo. Il suo prezzo si aggira sui 5 euro (molto molto cheap) e c’é una quantità notevole di prodotto. Peccato non abbia il dosatore comodo, come quello dei saponi. Sarebbe stato perfetto!! É uno shampoo come altri per cui il suo modo d’uso é quello previsto dalla maggior parte degli shampoo: applicare una piccola noce, massaggiare bene e risciaquare.

Passiamo ora al balsamo.

Non ho acquistato il balsamo della stessa linea dello shampoo. Ma é quello  della linea “Expert Reparation+” con ceramide  e arginina. Adatto a chi ha capelli danneggiati, fragili, che si spezzano. Grazie a ció il prodotto va a riparare e rinforzare il capello. Ma d’altronde il mio capello é comunque fragile, essendo secco e sciupato. Per cui non ho solo bisogno che i miei capelli vengano nutriti ma anche rinforzati. Non utilizzo solo la piastra ma tingo anche capelli. Nell’ultimo anno mi sono calmata, ho solo “toccato i miei capelli una sola volta (un applauso a me👏). Comunque, il prodotto é promosso. Non ha odori forti, dá molta morbidezza al capello, lo noto soprattutto quando asciugo i capelli.  Basta una piccola quantitá, si lascia in posa pochissimo e si risciaqua. Ah dimenticavo, anche il prezzo del balsamo si aggira sui 5 euro.

Volevo anche farvi notare, che questi prodotti non contengono siliconi, perciò super validi !! Per saperne di piú  vi consiglio di visitare il sito http://www.franckprovost-expert.it/default.htm !

Spero che il mio articolo sia stato di vostro gradimento e soprattutto di aiuto nel caso foste dubbiose sull’acquisto.

A presto 🎀🎈

Commenti disabilitati su Cosa mi frulla in testa ?

5 cose che non potrai piú fare quando diventi mamma

| Bebé, Mamme, Maternitá

Ciao care mamme e pancine !!!

Ieri stavo pensando un pó a quelle cose che facevo prima di diventare mamma che ahimé ora non riesco piú a fare 🙈.

Con l’arrivo di un bebé, la routine quotidiana cambia un bel pó. Se prima di avere un bambino si aveva a disposizione tutto il tempo desiderato per poltrire sul divano, per seguire le serie Tv preferite, dopo la nascita del figlio ahimé tutto questo tempo a disposizione non si ha. Svegliati la notte per dar da mangiare al piccolo, cambiagli pannolino, tienilo in braccio perché in carrozzina non vuole stare, poi quando cresce e inizia a gattonare e poi camminare, stagli dietro per evitare che combini pasticci e si cacci nei guai.

Con tutto il da fare che dá un bebé quante cose che non si ha piú il tempo materiale di svolgere !!!! Ho deciso cosí di stilare per voi una mini classifica di ció che io, ora che sono diventata mamma, fatico a fare !!

5. Dormire notti beate con il tuo partner

Almeno questo é quello che capita a casa mia. Praticando l’allattamento a richiesta Amanda si sveglia la notte per poppare. Perció essendo più comoda me la tengo nel lettone. E via di calci, testate, pugni, invasione di spazi! Amanda che si frega il letto e te che tra un pó cadi😂 Ma quanto é bello poi svegliarsi con lei al proprio fianco ?❤

4. Fare le maratone delle tue serie Tv preferite 

Alzi la mano chi come me, se ne stava sotto il plaid stravaccata sul divano per godersi per la maratone delle serie Tv preferite al pc, magari con le cuffie per non essere disturbata dal marito !!!! Ecco, con la nascita di Amanda addio stagioni!😔 Guardavo Fringe e Gotham. Ora mi godo gli spoiler veloci navigando su internet!

3. Fare shopping per te stessa 

Quante di voi organizzano una uscita per fare un pó di shopping terapeutico e poi arrivano a casa con mille buste con i vestiti per i vostri figli e per voi neanche una ? Bé ultimamente mi capita spesso!😂 Esco per comprarmi qualcosa e puntualmente vado dritta nel reparto bimbi e l’armadio di mia figlia si riempie semore piú, mentre il mio..  bé il mio… piange!😭

2. Mangiare a tavola e gustarsi il pasto

Aiuto!!!!!!!!!! Ogni volta che mi siedo a tavola per mangiare Amanda ha la brillante idea di lanciare ovunque giochi, pappa e biberon! Cosí io mangio in fretta e furia per poter intrattenerla al meglio e di farle mangiare tutta la pappa. Non sono vero l’unica? Rincuoratemi!

Ed ora, arriviamo al primo posto…fa un pó ridere peró penso che é quello che lega tutte noi mamme..

1. Andare in bagno…. DA SOLE!

Eh già, ormai neanche in bagno possiamo avere un pó di privacy !!😂😂😂 Fa ridere ma é la verità!! 😂😂 Ormai poter stare in bagno da sole é diventato un lungo ricordo… Se non un vero e proprio miraggio !!!

Bene carissime, spero che questo articolo vi sia piaciuto e vi abbia divertito almeno un pó!! E  per voi vale la stessa cosa ??? Ci sono altre cose che non riuscite piú a fare da quando siete diventate mamme ?? Fatemelo sapere!

A presto 🎀🎈

 

Commenti disabilitati su 5 cose che non potrai piú fare quando diventi mamma

Io, una mamma studentessa

| Gravidanza, Mamme, Maternitá, Nascita, Studio e figli, Università

Essere una mamma e nello stesso tempo una studentessa non é per nulla facile. Quando sono rimasta incinta mi mancavano solo due esami per completare il mio percorso di studi ed ovviamente mancava ancora la stesura dell’intera tesi.

Il penultimo esame lo diedi che già ero incinta, ma ancora non lo sapevo. La settimana dopo avrei fatto il test di gravidanza.

E poi quelle due linee. Ero davvero tanto felice, incredula, paurosa di quel che sarebbe successo. Come avrei fatto a gestire l’Universitá con una gravidanza in corso? Non é stato facile. Ho avuto le nausee fino alla 14°settimana. 24 ore su 24 a letto poiché neanche la notte mi abbandonavano. Mi mancava un solo esame e dovevo iniziare a scrivere la tesi. Purtroppo ho dovuto rimandare la tesi a quando mi sarei sentita meglio perché al pc proprio non riuscivo a stare. E di studiare non ne parliamo, appena mi buttavo sui libri la voglia di vomitare era tanta. Un pó come quando ti metti a leggere un libro in macchina e ti viene la nausea (almeno a me succede così).

Intanto io, entravo in una nuova sessione universitaria, la mia prima sessione fuori corso. Ma non era colpa della gravidanza in questo caso. Avrei potuto peró laurearmi in questa sessione fuori corso se non avessi avuto il problema dei primi mesi gravidici. Con il cuore in pace, mi dedicai al riposo.

Entrata nel secondo trimestre di gravidanza finalmente mi sentivo meglio. Cosí ripresi in mano i libri, pc e mi impegnai per terminare gli studi. Il 19 luglio diedi finalmente l’ultimo esame e finí in bellezza con un bel 26😊 Nel frattempo avevo anche già preparato due capitoli di tesi che peró necessitavano di molte correzioni, come indicato dal mio relatore. Alché la cosa mi scoraggió.

Puntai a laurearmi a settembre. “Che sarai mai” dicevo, “tanto ora che sto bene posso scrivere tutta la tesi in questo mese e a settembre avró la laurea”. Non l’avessi mai detto. Il caldo prese piede in città, la stanchezza gravidica si faceva sentire e iniziai a soffrire paurosamente il caldo, tanto che ero costretta e stare chiusa in casa col condizionatore acceso.

Arrivó Agosto, passai una settimana al mare con mio marito. Una settimana da incubo per la mia circolazione sanguinea e la mia pressione bassa che mi provocava degli odiosi capogiri. “Nessun problema appena torno dalle vacanze mi rimetto in sesto e si riprende la tesi”. Ancora una volta ne ero convinta. Poi  però l’ultimo trimestre portava con sé i suoi acciacchi. Pubalgia e contrazioni erano all’ordine del giorno. Per di più, ero così presa dalla gravidanza che in quel momento la tesi passava in secondo piano.

Arrivava ottobre, il mese in cui Amanda doveva nascere. Io ero a riposo giá da parecchie settimane per via delle contrazioni e del collo dell’utero accorciato. Ero così preoccupata che Amanda avesse potuto nascere prima che abbandonai in un dimenticatoio l’Universitá. E poi finalmente Amanda nacque. La gioia piú grande che una ragazza possa mai provare.  Avevo una creatura di cui preoccuparmi, cambiare pannolini, allattare, coccolare il giorno, ma soprattutto la notte. Il primo mese di vita di Amanda non ho dormito praticamente nulla. Quando diventi mamma la tua vita viene stravolta. Tu passi in secondo piano perché c’é qualcosa piú importante di te a cui non puoi e non vuoi fare a meno. Alché le giornate passano, tra pianti e pannolini, a casa. Poi si andava a passeggio per prendere un pó di aria fresca e riprendersi un attimo.

I primi tre mesi passavano cosí. Nel frattempo tre sessioni universitarie se ne andavano. Un bel giorno ripresi coraggio e presi tra le mani il pc. Riuscì a correggere i primi due capitoli e li mandai al mio relatore. Passó anche la Pasqua e la primavera passava in un batter d’occhio. Stiamo parlando della primavera che è passata quest’anno.

Con il mio miglior impegno, tra stanchezza, momenti di riposo, pulizia di casa e tempo da dedicare a mia figlia arriviamo a oggi. Sto scrivendo l’ultimo capitolo della mia tesi. Mi mancano meno di dieci pagine per terminarlo e poi mi mancheranno introduzione e conclusioni del lavoro. Ho sempre cercato e cerco tutt’ora, di dedicarmi alla tesi quando mia figlia dorme. Solo che ora che ha 11 mesi i suoi pisolini non sono piú lunghi come quelli di una volta per cui, in alcune giornate, Amanda viene guardata da mia suocera o da mio marito in modo che io possa finire al più presto.

Ce la sto mettendo davvero tutta per realizzare questo mio sogno pur avendo avuto la bambina. É stata ed é una sfida conciliare studio e figli. Ma non di certo impossibile. Anche se tutto procede lentamente, non vuol dire che si debba mollare. Di certo quando avrò la laurea tra le mani saró doppiamente soddisfatta, perché saprò che sono stata in grado di terminare gli studi pur avendo avuto una bambina!

 Voglio rivolgermi alle mamme come me studentesse. Care ragazze che avete scoperto come me la gravidanza nel bel mezzo degli studi, non demordete. Non sarà facile ma non impossibile.

Spero che il mio articolo sia stato di vostro gradimento.

A presto 🎀🎈

 

 

 

Commenti disabilitati su Io, una mamma studentessa

Thank You Derm!

| Bellezza, Cosmetici, Igiene personale, Make up, Mamme, Shopping, Spesa, Svago

Ciao carissime 🙂 ben tornate sul mio blog! Oggi voglio parlarvi di una crema: la You Derm.

Chi come me ha la pelle del viso grassa tendente all’acne? Purtroppo fin dell’adolescenza mi ritrovo con pelle grassa e brufolini che spuntano qua e lá, su guance, mento e fronte. Una condizione molto fastidiosa, che mi mette a disagio e mi costringe ad utilizzare fondotinta coprenti per nascondere queste maledette impurità. E specialmente in previsione delle mestruazioni, la mia pelle peggiora notevolmente.

Ho provato tantissimi prodotti, maschere purificanti, tonici astringenti, acqua di rose, sapone allo zolfo, pulizia del viso fai da te, ma i foruncoli si sono comunque ripresentati.

Così un giorno mentre facevo la spesa, passando tra la corsia con i prodotti per la bellezza e l’igiene personale, trovo questa crema.

Vi ricordate la pubblicità dove la ragazza diceva “Thank You Derm!”? Ecco, questa é la crema in questione.

Composta da Biossido di silicio, Benzalconio Cloruro e Ioni Argento, va a correggere punti neri, discromie della pelle e acne. Basta applicare una piccola quantità nella zona interessata, senza massaggiare e fare asciugare naturalmente. L’azienda produttrice raccomanda prima  di detergere bene viso e mani prima dell’utilizzo.

In questo modo: ⬇️FOTO⬇️

Ecco l’impurità.
Ora applico una piccola quantitá di crema e lascio asciugare.

Come vedete il beccuccio é diverso dalle normali creme.

L’erogatore é simile a quello dei profumi. Basta premere ed esce una piccola quantitá di prodotto, in modo che non si va a sprecarne inutilmente.

Da settimane la sto utilizzando tutti i giorni, ogni mattina. Sulla confezione c’è scritto peró che si deve applicarla due volte al dí, per ottenere un risultato maggiormente efficace.

Risultati? Assolutamente buoni! Ho notato che la mia pelle mostra molte meno discromie. Moltissimi meno brufoli e pelle grassa quasi sconfitta!!!!! Io la promuovo a buoni voti! Con una sola applicazione al giorno, direi che non posso assolutamente lamentarmi. La mia pelle é migliorata un sacco. Ora mi piace ancora di più guardarmi allo specchio senza trucco.

Lo ammetto. Io utilizzo la crema come una normalissima crema. La applico sul viso e massaggio e comunque i risultati sono notevoli. Non ho comprato peró il detergente per lavare il viso, perché ero suscettibile della buona riuscita della crema. A questo punto penso che lo comprerò.

Perciò care mamme e non, se anche voi siete disperate con le condizioni della cute del vostro viso, vi consiglio di provarla. Per una quindicina di euro ne vale la pena.

Spero che il mio articolo via sia piaciuto.

A presto 🎀🎈

 

Commenti disabilitati su Thank You Derm!

Il mio primo Haul da Kiko

| Bellezza, Cosmetici, Make up, Mamme, Svago

Ciao carissime! Come ben sapete, ho aggiunto da poco una nuova pagina sul mio blog dedicato alla bellezza. E come iniziare bene se non con un articolo che riguarda il mio primo Haul da Kiko?

Ebbene sí, non ho mai comprato nulla che riguardasse il make up in questo punto vendita, se non uno o due smalti, ma parliamo di molti anni fa. Nel centro commerciale della mia cittá, Kiko é uno tra i pochi negozi originari del centro.

Ma come é possibile che non abbia mai comperato da Kiko? Eh, ero piccolina all’epoca. Una adolescente che si truccava con cosmetici a prezzi molto molto accessibili. Ero solita andare nei punti vendita OVS e Scarpe&Scarpe per acquistare i prodotti a marchio Essence. Non che Kiko sia costosissima, peró Essence é davvero molto economica ed io mi trovavo molto bene con la qualitá dei prodotti.

Fino a poco tempo fa ero anche una cliente affezionata di Glossip. Sfortunatamente il punto vendita nella mia cittá ha chiuso, per cui io mi sono ritrovata senza un negozio di fiducia al quale rivolgermi nel caso avessi  curiositá e perplessità.

Cosí domenica mi sono diretta da Kiko. Prima di domenica mi sono limitata a buttare qualche sguardo da lontano, anche perché in compagnia di figlia e marito avrei avuto pochissimo tempo a disposizione per ammirare tutti quei bellissimi prodotti!!!!! Perció ho mollato a casa figlia e marito per concedermi qualche coccola… cosmetica!

Evviva si parte!!!

Arrivata da Kiko, vengo rapita dalla nuova collezione autunnale. La “Kiko Fall Collection”. Cosí mi impossesso della terra abbronzante profumatissima e del mascara con uno scovolino in silicone fantastico.

Non vedo l’ora di testarli!!

Ancora non soddisfatta di questi due articoli decido di comprare altro. Siccome la terra abbronzante non basta per creare un dell’effetto sul viso, ho comprato un blush da applicare sulle guance per ottenere un effetto contouring non troppo marcato.

Il numero 06. L’ho testato in negozio. É un rosa molto scuro. Con due pennellate si distende molto bene. All’impatto mi é sembrato molto carico, poi peró una volta che la polvere in eccesso viene rimossa, l’effetto contouring é assicurato. Et voilá, un viso snellito e con un bel colorito!

Potevo poi non comprare i pennelli professionali per l’applicazione del blush?

Ho acquistato il n°11. Il pennello per il counturing, cosí da facilitarne l’applicazione. Con la sua forma non arrotondata permette di tracciare una bella linea che spezza la guancia, insomma che permette di mettere in risalto gli zigomi.

Ed ecco che ho comprato poi, un bel primer da applicare prima del fondotinta. Il n°03-NEUTRAL, adatto per chi come me, ha un colore beige/sandy beige. Insomma un colore né troppo scuro o chiaro. Anche questo l’ho potuto testare, ma non sul viso bensí sul palmo della mano. É un primer che con solo pochissimo prodotto riesce a coprire le imperfezioni della pelle e ne permette un effetto levigato. Direi ottimo! Per chi come me ha molte imperfezioni sulla pelle, questo primer è un valido alleato per ottenere il viso effetto porcellana a trucco ultimato.

Siccome poi, ho un pennello per il fondotinta che non mi soddisfa molto (a lingua di gatto o come si dice) ho comprato un nuovo pennello Che andasse a sostituirlo. Ho optato per un pennello dalle setole morbide a forma circolare : il round foundation Bush n°5. ⬇️ FOTO⬇️

Non contenta, compro questa matita kajal carinissima color burro.

Ottima per illuminare le sopracciglia, andando a delineare l’arcata, ad illuminare l’occhio nella parte interna ed applicata sulla palpebra mobile dona un tocco di luce dopo avere utilizzato una matita kajal nera o un semplice eye liner.

Ho ultimato il mio maxi acquisto con il solvente per unghie ed un pacco di salviette struccanti, che ho giá provato. Ottime, delicate su occhi e viso e con un odore molto gradevole. ⬇️FOTO⬇️

Evviva❗❗❗ Me felice, torno a casa con un sorriso 32 denti😊

E per finire in bellezza, mi presento cassa e la commessa mi dice che con l’acquisto da me fatto dei prodotti della nuova collezione, posso prendere la pochette ad una offerta strepitosa! Insomma da una ventina dei euro che costava, l’ho pagata 5 euro. Molto carina e graziosa e soprattutto utile per portarsi in giro trucchi di emergenza ️️!

Una domenica con tanti acquisti e tanta felicità per me😊

Era ormai due anni che non compravo piú alcun cosmetico. Durante la gravidanza non amavo truccarmi e la nascita di mia figlia mi aveva un pó allontanata da questo mondo. Ma ora che ho ritrovato un pó di tempo per me, posso godermi di nuovo questa passione che da tanti anni coltivo!

E voi comprate spesso nel vostro negozio male up di fiducia?

Spero l’articolo vi sia piaciuto!

A presto 🎀🎈

 

Commenti disabilitati su Il mio primo Haul da Kiko